Imballare la bici per un viaggio in aereo

C’è già un post nel ,mio blog su questo argomento. Aggiorno con l’aggiunta di un breve video.

Nel corso degli ultimi 5 fammi ho portato a temine 4 viaggi ogni anno. La media di ogni viaggio ha richiesto l’imbarco e lo sbarco della bici almeno 4 volte per viaggio. Un numero considerevole di volte quindi, e l’ansia di veder arrivare la bici intatta è sempre la stessa . Alta ovviamente !

Viaggiando da moltissimi anni l’elenco dei danni da trasporto con cui mi sono imbattuto è piuttosto lungo, si va dal circuito dell’olio dei freni rotto, dischi piegati, pedali rovinati, una forcella piegata, porcellino del cambio  piegato e una volta spezzato. Ogni volta rimettere a posto le cose per poter partire sereno è stata una pena e un notevole fastidio. Va detto che non ho trovato differenze sostanziali tra le varie compagnie, perché , se è vero che le responsabili sono loro, il carico e scarico nei vari aeroporti viene effettuato non dal personale della compagnia ma da quello dei servizi aeroportuali. Basta cercare su internet per vedere come vengono trattati bagagli e pacchi per capire che è meglio spendere del tempo prima che doversi barcamenare dopo in cerca di soluzioni. Sempre ammesso che si possano trovare! Dipende da dove siamo sbarcati e in che paese.

Mi è capitato di viaggiare con un solo freno , fortunatamente l’anteriore, senza un disco perché irrimediabilmente rovinato, con i pedali rovinati e via dicendo.

Al ritorno confesso che sono meno attento, anche perché non sempre è possibile trovare il materiale adatto, ma mi preoccupo di meno. Certo è scocciante se la bici arriva danneggiata ma almeno da casa ho tempo e modo per sistemare le cose con facilità.

Le compagnie aeree purtroppo non rispondono , o rispondono in minima parte dei danni. Alcune , nel caso delle bici , ci fanno anche firmare una liberatoria. Trovo la cosa ingiusta sopratutto nei casi, frequentissimi ormai, in cui la bici paga un supplemento a parte per la spedizione come bagaglio perché è considerata come  ” special equipment” e questo indipendentemente dal peso stesso della bici, anche se rientra in quello  consentito dalla compagnia e dal nostro biglietto.

Sto facendo una ricerca con alcuni legali e una consultazione delle norme a tutela del viaggiatore per raccogliere le giuste informazioni  sul comportamento da tener in caso di danneggiamenti o ritardi . Cercherò di esporle al più presto nel blog.

Quanto espongo nel video è quanto faccio adesso per evitare, nel limite del possibile, di incorrere in spiacevoli sorprese.

E devo dire che negli ultimi anni il sistema ha funzionato

cliccate qui sotto per il video

 Imballare la bici per un viaggio in aereo

Annunci

Informazioni su sergioborroni

medico per professione viaggiatore per diletto
Questa voce è stata pubblicata in viaggi in bici e in canoa .. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...